23 Gennaio 2022

Nocerina nel caos, ma Cavallaro resta: “La piazza non merita questo scempio”

La crisi di risultati dell’ultimo periodo ha coinciso con la querelle societaria che ha coinvolto la compagine salernitana: l'allenatore dei molossi ammette le difficoltà nel post partita con il Bitonto

“È una situazione che non possiamo determinare noi. Siamo in attesa di un riscontro, una svolta per far ripartire il progetto Nocerina. Non abbiamo avuto un confronto con nessuno, almeno sino ad oggi”. Inizia con queste parole di Giovanni Cavallaro la conferenza stampa del post gara di Nocerina-Bitonto. L’allenatore dei padroni di casa esce allo scoperto, si concede alle telecamere e mette la faccia dopo la pesante sconfitta casalinga rimediata questo pomeriggio al “San Francesco”. Chiaro il riferimento alla crisi in cui versa la società presieduta da Maiorino e alle voci sul possibile ingresso di una cordata americana.

Squadra in crisi e società assente

Continua il momento no della Nocerina. La crisi di risultati dell’ultimo periodo ha coinciso, di pari passo, con la querelle societaria che ha coinvolto la compagine salernitana. Il tre a zero casalingo, rimediato dal Bitonto, rappresenta la punta dell’iceberg di una situazione paradossale: “La Nocerina non merita uno scempio del genere – prosegue l’allenatore -. Manca la gestione, la serenità. Non è una questione di stipendi. Ho un impegno con la città, l’ho preso quando ho firmato. La mia squadra ha sempre giocato e fatto quello che doveva: abbiamo demeritato solo con Fasano e Mariglianese. Non è mia intenzione dimettermi, ma deve essere chiaro un passaggio importante: nelle prime quindici giornate eravamo a quattro punti dalla prima posizione, con l’organico attuale dobbiamo pensare solo a salvarci”.

Addio sogni di gloria, priorità alla salvezza

I playoff distano solo cinque lunghezze, ma la realtà racconta di una squadra abbandonata a sé stessa. Diventa fondamentale limitare i danni, vivere alla giornata e provare a salvare il salvabile: “Chi entra in questo momento – aggiunge Cavallaro -, deve assumere l’impegno di mettere ordine. L’organico che avevamo qualche settimana fa, in un clima più sereno, sarebbe rientrato tra i primi cinque posti. Oggi non siamo competitivi, abbiamo fatto dei passi indietro. Stiamo lavorando in condizioni pessime, andiamo avanti con la voglia di continuare a lottare”.

I calciatori della Nocerina non si tirano indietro

Quarta sconfitta consecutiva, la vittoria che manca dallo scorso 8 dicembre e tanti punti interrogativi che aleggiano sul futuro del club. Agostino Garofalo, leader del gruppo e presente in conferenza stampa, ha voluto aggiungere poche parole sullo status attuale dello spogliatoio rossonero: “Sicuramente non molleremo. Vogliamo impegnarci sempre al massimo e fare il nostro dovere. È una situazione paradossale, che non ci aiuta a lavorare nel modo migliore, ma siamo convinti che possiamo portare la nave in porto”.

A cura di Giuseppe Vitolo