18 Gennaio 2024

Orvietana, confermata la sconfitta a tavolino contro il Ghiviborgo: il comunicato

Il punto che fu precedentemente assegnato è stato nuovamente tolto: il Ghiviborgo vince 3-0 a tavolino

orvietana fiorucci

Ha del clamoroso quanto accaduto in casa Orvietana, club che oggi milita nel girone E di Serie D. Il club biancorosso, al quale era stata inflitta la sconfitta a tavolino contro il Ghiviborgo, fece ricorso alla terza Sessione della Corte d’Appello Federale che decide così di (ri)assegnare il punto all’Orvietana. Oggi però una novità: il punto che fu precedentemente assegnato è stato nuovamente tolto.

Ghiviborgo-Orvietana, il comunicato del Giudice Sportivo

Di seguito il comunicato diramato nelle scorse ore.

Il Giudice Sportivo,

  • Vista la Decisione 104/CSA-2023-2024, con cui la Corte Sportiva d’Appello, Terza sezione ha accolto il reclamo n. 129/CSA/2023-
    2024, proposto dalla società Orvietana Calcio S.r.l. in data 15.12.2023, per la riforma della Decisione di Codesto Giudice Sportivo,
    di cui al Com. Uff. n. 62 del 12.12.2023.
  • Rilevato che le ragioni dell’accoglimento sono da individuare nella mancata integrazione di un contraddittorio, a cagione della mancata comunicazione alle parti del provvedimento con cui era stata fissata la data della pronuncia e viene loro concessa la possibilità di far pervenire ulteriori memorie e documenti, sino a due giorni prima.
Pianese Livorno diretta
  • Visto il rinvio del ricorso a codesto Giudice Sportivo presso il Comitato Interregionale per il nuovo esame del merito ai sensi dell’art. 73, comma 2, C.G.S.
  • Rilevata l’effettiva e regolare comunicazione ai sensi dell’art. 67, commi 6 e 7, C.G.S. e lette le memorie tempestivamente depositate dalla ORVIETANA CALCIO, con le quali si insiste per l’inammissibilità e infondatezza del ricorso, già in atti e fatto pervenire a seguito di tempestivo preannuncio, con cui la GSD GHIVIBORGO VDS deduce la irregolare posizione, nella gara i epigrafe, del calciatore FABRI FRANCESCO impiegato dalla ORVIETANA CALCIO sin dall’inizio della gara in epigrafe, con il numero 10″.
Consolata

Accolto il reclamo: l’Orvietana perde 0-3

  • Rilevato che all’esito di un ulteriore esame nel merito, si conferma che al calciatore summenzionato, all’epoca tesserato per l’AC PERUGIA CALCIO, è stata comminata la squalifica per una gara, per recidiva in ammonizioni, di cui al C.U. n. 199 del 9 maggio 2022 emesso dalla Lega Nazionale Professionisti Serie B per le gare di Playoff, Quarti di finale, Campionato Primavera 2
    2021/2022, disputate in data 7 maggio 2022 e che la summenzionata squalifica:
    i. non è stata scontata nel Campionato Primavera 2 2021/2022, come ricavabile dal fatto che la gara del 7 maggio 2022 rappresenta l’ultima gara disputata dall’ AC PERUGIA CALCIO.

Il comunicato

  • nella stagione sportiva; ii. non è stata scontata nel corso della stagione sportiva 2022/23 essendo stato il calciatore FABRI FRANCESCO inserito in distinta (come calciatore titolare o di riserva) nelle prime due giornate del Campionato Nazionale di Serie D — risultando tesserato per l’US GROSSETO 1912 dal 2 agosto al 15 settembre 2022 — e in tutte le gare del Campionato
    di Eccellenza Umbria — risultando tesserato per l’OLYMPHIATHYRUS S.VALENTINO dal 15 settembre 2022, fino al
    termine della stagione — ad eccezione della gara del 26 marzo 2023, alla quale non prendeva parte in quanto squalificato
    per una gara per recidiva in ammonizione
  • iii. non è stata scontata nemmeno nel corso della stagione sportiva 2023/24 essendo stato il calciatore FABRI FRANCESCO
    inserito in distinta (come calciatore titolare o di riserva) in tutte le prime dodici giornate del Campionato Nazionale di
    Serie D e impiegato sin dall’inizio nella gara del 19 novembre 2023, di cui in epigrafe, alla quale, pertanto, ai sensi
    dell’art. 10, comma 6, del Codice di Giustizia Sportiva, il medesimo non aveva titolo a partecipare;
    P.Q.M.
    Delibera:
    1) di accogliere il reclamo;
    2) di infliggere alla ORVIETANA CALCIO la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3;
    3) di non addebitare la tassa di reclamo