30 Aprile 2022

Il Nardò ribalta la gara interrotta, da 2-0 a 2-3 in 45 minuti

Mariglianese-Nardò, è finita 3-2 un mese dopo essere stata sospesa per l'infortunio dell'arbitro. Clamorosa rimonta degli ospiti che, al momento della sospensione perdevano 2-0

Nel match Mariglianese-Nardò, valido per la 29esima giornata del girone H di Serie D, è successo di tutto. Già di per sé, in 45 minuti possono succedere tantissime cose, figurarsi quante ne possono accadere in un campo di calcio (dove in pochi secondi può cambiare tutto). La gara era stata interrotta proprio al 45° del primo tempo per un infortunio dell’arbitro. Il direttore di gara infatti, aveva accusato un dolore al ginocchio che gli ha impedito di proseguire l’incontro. In quel momento il Nardò era sotto 2-0 grazie alla doppietta di Gennaro Esposito, che stava regalando tre punti importantissimi, in chiave salvezza, alla sua Mariglianese.

Quando la partita è ripresa, a più di un mese dalla sua sospensione, il Nardò aveva 35 punti. Il Bisceglie, penultimo in classifica distava solamente 3 punti. I padroni di casa invece, con quel risultato avrebbero staccato seppur temporaneamente la zona play-out assicurandosi un margine di sicurezza non definitivo ma comunque rassicurante. Insomma, per i campani stava maturando una vittoria fondamentale.

Poi l’arbitro ha fischiato e la gara è iniziata per la seconda volta.

Mariglianese-Nardò la gara giocata due volte

A dire il vero, il cammino delle due squadre da quel giorno è stato molto diverso. Complicato e discontinuo quello del Nardò, efficace e solido quello della Mariglianese che in poche giornate ha ribaltato completamente la propria classifica. Quando il 27 marzo il direttore di gara ha dato inizio alla partita i campani, erano estremamente invischiati nella lotta play-out. Con lo spettro della retrocessione diretta che aleggiava e si avvicinava pericolosamente. Da lì, i biancazzurri di Sanchez hanno inanellato una serie importante di risultati che le hanno permesso di fare un importante balzo in classifica. Tre vittorie consecutive, contro Virtus Martino, Lavello e Casertana, hanno proiettato i biancocelesti al di fuori della zona pericolosa della classifica.

Mariglianese-Nardò il confronto della loro stagione

Il Nardò al contrario non ha vissuto lo stesso roseo momento. Soltanto 4 punti raccolti dal 27 marzo in poi e una salvezza che si è andata complicando.

Come abbiamo capito, molte cose sono cambiate da quel giorno e la sfida, già molto importante allora, ha assunto un valore ancora più rilevante. E così, un mese dopo, è arrivato il momento di chiudere i conti di una partita che, fin lì non sembrava potesse essere messa in discussione. Ma, come abbiamo già detto, molte cose possono succedere in 45 minuti. Così, dal 24esimo in poi di questa mini-partita tutto è cambiato. Per il Nardò, segna due volte Puntoriere, arrivato dalla Serie C e a quota 11 gol in questa D, pareggiando i conti e, al 42esimo, completa l’inaspettata rimonta Cristiani Valbuena dalla panchina.

Una vittoria inaspettata e clamorosa ma che per questo, forse, avrà ancora di più un sapore speciale. Ora il Nardò accorcia le distanze e inizia, dopo un periodo complesso, a rivedere la luce. La Mariglianese invece resta a quota 40, poco al di sopra della zona play-out. In un finale di stagione tutto da vivere con molte squadre in lotta per mantenere la categoria, il girone H si prospetta, ancora, pieno di sorprese; come quei 45 minuti che hanno cambiato una stagione.

“I ragazzi sono stati bravi, mi auguro di ribaltare il fattore casa”

Al termine del match, l’allenatore del Nardò, Pasquale De Candia, ha rilasciato delle dichiarazioni sulla vittoria contro la Mariglianese.

De Candia è soddisfatto della prova dei suoi calciatori: “I ragazzi sono stati bravi a mettere in pratica quello che avevamo cercato di preparare in questi giorni. Sono stati meravigliosi, anzi, forse hanno raccolto leggermente meno di quello che hanno prodotto. Siamo andati ben oltre le aspettative, non mi sarei mai aspettato questa qualità nelle giocate dimostrate oggi. Sono contento, ma allo stesso tempo amareggiato. Anche domenica scorsa abbiamo dimostrato tanta qualità, un grande possesso palla. Tuttavia, oggi la differenza l’ha fatta la fase di non possesso. Non abbiamo sbagliato nulla“.

Mi dispiace non sfornare prestazioni del genere in casa, sfruttando la passione del nostro pubblico. Non riusciamo a rendere determinante il fattore casa, mi auguro di ribaltare questo aspetto in queste ultime giornate di campionato“.

Mariglianese Nardò
Il presidente del Nardò Salvatore Donadei, rimasto a casa causa Daspo, esulta così, davanti alla televisione, dopo la vittoria contro la Mariglianese

“Gara difficile, situazione insolita. Il Nardò si è adattato alla grande”

Una situazione insolita, ma i fattori hanno sorriso al Nardò: “Riprendere la gara in questa situazione è stato difficile per noi e per la Mariglianese. Siamo partiti con un risultato diverso dal solito, e magari abbiamo sorpreso i nostri avversari, schierandoci in maniera differente. Questi sono fattori che possono tranquillamente incidere. Ringrazio i ragazzi, sono contento perché si sono dimostrati disponibili ad adattarsi“.

Oggi cambiano poco le prospettive. E’ cambiato tanto dal punto di vista del morale, dopo la sconfitta con il Brindisi. Dobbiamo disputare le ultime partite con questo spirito, spero che i ragazzi restino concentrati“.

Di Edoardo Gregori