18 Febbraio 2024

Gioiese, Ciccio Cozza: “Mi aspettavo un saluto dai reggini…”

Le parole di Ciccio Cozza dopo Reggina-Gioiese, non senza un filo di rammarico per il mancato saluto dei tifosi amaranto

Gioiese Cozza

Sotto la guida di Ciccio Cozza come nuovo allenatore, la Gioiese segna il primo gol del suo 2024 e quasi porta a casa un punto dal Granillo contro la nuova Reggina. Oggi è arrivata un’altra sconfitta per il club di Gioia Tauro, ma le premesse viste in gara sono quelle di un finale di stagione dove la squadra può ancora combattere per evitare la zona retrocessione. Ciccio Cozza, però, da questo suo esordio va via con un doppio rammarico: lo si appura chiaramente dalle sue parole post-gara.

Gioiese Cozza Reggina

Oggi non mi sono sentito a casa – esordisce chiaramente il nuovo allenatore viola, ex bandiera della Reggina. non ho ricevuto un coro o un saluto dalla curva né dal resto del Granillo. Sono un po’ deluso, mi aspettavo qualcosa per essere un giocatore che ha scritto la storia della Reggina. Io sono uno che dice sempre quello che pensa e devo dire che mi hanno deluso, questa è una cosa che insegna“.

Gioiese, le parole di Ciccio Cozza dopo l’esordio

Nonostante tutto e la sconfitta in questo suo esordio dal sapore romantico, Ciccio Cozza può portare a casa delle soddisfazioni tirate fuori dalla sua nuova squadra. “Il rammarico di oggi è la sconfitta, non credo meritassimo di perdere. Però questo è il calcio. Abbiamo giocato una buona partita, nonostante abbia dovuto effettuare subito un cambio per infortunio, non era facile. Il primo lo tempo lo avevo impostato per aspettare e ripartire. Nel secondo tempo la Reggina ha avuto un buon momento in cui ci ha messo in difficoltà, ma lo ha fatto sui lanci lunghi. Non è che abbia creato poi chissà che cosa“.

Fonte: Facebook LFA Reggio Calabria

Sono stati bravi a crederci fino alla fine e hanno vinto – conclude Cozza. Siamo stati noi, per mancanza di attenzione, ad aver perso la partita, perché abbiamo preso due gol su due disattenzioni e non va bene. Avrei preferito giocare male e vincere. Avevamo preparato bene la partita, aspettando l’avversario, e siamo riusciti a ripartire bene in diverse occasioni. Avremmo anche potuto fare qualche gol in più. Il risultato più giusto oggi sarebbe stato il pareggio, la sconfitta non la meritavamo. Per noi è comunque un punto di partenza in questo mini-campionato nel quale dobbiamo provare almeno a lasciare l’ultima posizione“.