24 Gennaio 2023

Casale: lo storico club costretto a giocare con la Juniores

Tra cambi di società, stadi inutilizzabili e juniores in campo. Ecco la situazione dello storico club

Giovani D Valore

Il Casale, nobile decaduta del calcio italiano, versa in condizioni societarie preoccupanti da diversi mesi. Si era parzialmente interessato un imprenditore cinese, ma di concreto non c’è stato nulla. A dicembre era arrivata addirittura la revoca del campo, con quel che rimaneva della formazione piemontese costretta a giocare lontano dal “Natale Palli”. Da diverse partite la prima squadra scende in campo con la formazione Juniores, con età media 19 anni, per evitare l’esclusione dal campionato. Domenica scorsa hanno però ottenuto il primo risultato utile da novembre (1-1 con il legnano), mentre la vittoria manca ancora dallo scorso 20 novembre (1-0 con il Bra).

L’imprenditore cinese che ha fatto il giro del web

Quando si sono presentati i primi problemi per il Casale, la società è stata accostata a Stefano Hu Huiguo, imprenditore cinese e proprietario di diversi saloni di bellezza a Torino. Sono ormai famose le sue dirette su Instagram dove i calciatori stessi gli chiedevano se avesse i soldi per salvare il club. La risposta? “Fumiamoci una sigaretta insieme”. Anche con i tifosi dava risposte stravaganti alle domande che gli venivano fatte, dove spesso rispondeva: “Non c’è un presidente, siamo tutti lavoratori”.

L’imprenditore asiatico, insieme ad un socio d’affari, si era addirittura presentato allo Stadio Natale Palli a vedere una partita dei piemontesi. Sempre su Instagram aveva annunciato, insieme ad un socio d’affari, che ci sarebbero stati degli incontri con potenziali investitori per definire il passaggio di proprietà. Per il momento però il Casale non ha cambiato proprietà, e continua a navigare in acque parecchio gelide.

Il campionato del baby Casale

I nerostellati, pur di evitare l’esclusione dal campionato, stanno mandando in campo la formazione Juniores ormai dal 4 dicembre. L’età media titolare è di appena 19 anni, mentre la panchina è composta totalmente da classe 2005. Una squadra giovanissima e che ogni domenica è costretta ad affrontare formazioni molto più esperte e costruite con grandi obiettivi. Tutto questo si traduce con risultati spesso pesanti come dimostrano il 7-1 ed il 4-3 con cui hanno perso le prime due gare del 2023.

La distinta della partita Casale-Sanremese del 4 dicembre

Senza stadio e con la Juniores in campo

Verso la seconda metà di dicembre arriva un’altra batosta: il Comune di Casale revoca alla società nerostellata la gestione e l’utilizzo dello stadio cittadino. La prima squadra, composta da under dopo l’esodo di tutti i giocatori, si trova costretta a giocare le partite ‘casalinghe’ in campi lontani da Casale. Nel derby con il Derthona, perso 3-4, la gara si è giocata al “Grande Torino” di Cantalupa, in provincia di Torino e distante 144 dal “Palli”.

casale stipendi

Secondo fonti locali, come Sprint&Sport, il Casale potrebbe tornare a casa almeno per una partita. Il match di domani contro il Pont Donnaz, valido per il turno infrasettimanale di Serie D, è in programma nello storico impianto che ha visto i piemontesi in Serie C ed addirittura vincere il campionato italiano nella stagione 1913-1914.

Da quando la situazione societarie è dilagata (lo scorso 4 dicembre), il Casale ha collezionato solamente un pareggio e 6 sconfitte. La posizione in classifica del girone A di Serie D è la diciassettesima con 22 punti, solo 4 lunghezze in più della zona retrocessione diretta.

A cura di Edoardo Discacciati