21 Febbraio 2024

Savoia: “Chiediamo ai politici quando potrà essere riaperto il Giraud”

Savoia, prosegue la questione per quanto riguarda lo stadio Giraud, il club campano vuole da tempo ritornare a giocare nell'impianto

Savoia giraud

Prosegue la querele stadio Giraud tra la politica locale e il Savoia di Emanuele Filiberto. Il club invischiato nella lotta per non retrocedere in Eccellenza campana è da tempo senza l’impianto di casa e ha diramato un comunicato di denuncia sulla situazione.

Savoia: “Chiediamo di riaprire il Giraud”

Inizia il comunicato:” È arrivato il momento da parte della politica e degli amministratori di spiegare alla cittadinanza di Torre Annunziata se, come e quando sarà possibile riaprire lo stadio Giraud. Ai commissari straordinari che stanno governando il Comune corre l’obbligo di appurare che il progetto tecnico sia stato scritto nel rispetto delle norme giuridiche e secondo i criteri sportivi richiesti dalle ambizioni di un club storico come il Savoia. Cioè, che sia conforme ai principi che permettano di iscrivere la squadra al campionato di serie C.

Savoia Giraud

Continuano le dichiarazioni del Savoia: “A tal riguardo, l’unico politico che si è fatto fotografare sul campo di gioco nel tentativo di attribuirsi una primogenitura sulla riapertura del Giraud, ora ha il dovere di verificare se l’attività burocratica dell’ente Comune sarà tale da permettere la riapertura dei battenti all’inizio della prossima stagione. A noi risulta che no, il Giraud non sarà nella disponibilità del Savoia nemmeno per il prossimo campionato dilettanti. Ma la nostra vera preoccupazione è un’altra e riguarda il campo di gioco”.

Ai tecnici incaricati dei lavori vogliamo ricordare, ma certamente ne saranno a conoscenza, che il manto in erba sintetica esiste sia per la categoria dilettanti che per la serie C. Al Giraud, dove ricordiamo è stato realizzato per disputare la serie B, è necessario venga installato il manto erboso idoneo per la C. In caso contrario, amministratori e politici si prenderebbero la responsabilità di condannare Torre Annunziata alla disputa anche in futuro di campionati dilettanti“.

Savoia Matachione

Savoia: “Un’altra società avrebbe già mollato”

Prosegue il comunicato: “È arrivato il momento per il politico, che prima si immortala al Giraud e poi scappa quando con le nostre domande le acque si agitano, di chiedere lumi al Comune per poi rispondere alla popolazione con fatti concreti e non più con frasi di circostanza. Ha il dovere di farlo in quanto rappresentante dei suoi elettori, ma anche per sgombrare il campo dalle illazioni che motiverebbero il suo immobilismo con l’essere dello stesso schieramento politico al quale appartiene chi ha ricevuto l’incarico per l’adeguamento del progetto”.

“Il nostro augurio è che siano date risposte ufficiali non solo a noi ma alla città, perché senza stadio non si può programmare. A prescindere da chi detiene il Savoia, senza uno stadio per il calcio professionistico, nessuno si sognerebbe mai di investire a Torre Annunziata. Un’altra società avrebbe già mollato, noi andiamo avanti nel bene o nel male, con lo stadio o senza stadio. Noi amiamo il Savoia e vogliamo credere in una soluzione positiva della questione Giraud, ma oramai non ci meravigliamo più di niente. Emanuele Filiberto di Savoia, Nazario Matachione, Marcello Pica, Alfonso e Tina Santillo, Arcangelo Sessa, Francesco Servillo e Raffaele Auriemma”.