12 Marzo 2024

Nocerina, ammenda e una gara a porte chiuse: la decisione del Giudice Sportivo

Dalla Nocerina fino al Vivi Altotevere Sansepolcro: ecco le sanzioni del Giudice Sportivo. I rossoneri, come si legge nel comunicato, dovranno scontare una gara a porte chiuse

Nocerina San Marzano

Dalla Nocerina fino al Vivi Altotevere Sansepolcro: ecco le sanzioni del Giudice Sportivo. I rossoneri, come si legge nel comunicato, dovranno scontare una gara a porte chiuse e un’ammenda di 3.000 euro per aver “propri sostenitori introdotto ed utilizzato materiale pirotecnico (10 fumogeni) prima dell’inizio della gara nel settore loro riservato” recita una prima parte del comunicato. Di seguito la nota completa.

Nocerina, la sanzione: “3.000 di ammenda e gara a porte chiuse”

La Nocerina dovrà giocare una gara a porte chiuse. Questa la decisione del Giudice Sportivo. Di seguito il comunicato completo. “Per avere propri sostenitori introdotto ed utilizzato materiale pirotecnico (10 fumogeni) prima dell’inizio della gara nel settore loro riservato”.

Nocerina tifosi
Fonte: Facebook Nocerina 1910

“Inoltre al termine della gara i medesimi lanciavano n.20bottigliette di acqua semipiene all’indirizzo dei calciatori della squadra avversaria colpendo alcuni di essi al busto. Sanzione così determinata in considerazione della recidiva e della diffida di cui al CU n.71”.

nocerina 2023

Vivi Altotevere Sansepolcro, la nota del Giudice Sportivo

Lasciamo il girone G. Ed entriamo nel girone E di Serie D. Il Vivi Altotevere Sansepolcro dovrà giocare in campo neutro (a porte chiuse) per due turni. Alla decisione, viene aggiunta un’ammenda di 4.000 euro. Di seguito il comunicato.

Fonte: Facebook Vivi Altotevere Sansepolcro

“Per avere propri sostenitori in campo avverso, prima dell’inizio e durante tutta la durata della gara, rivolto espressioni ingiuriose, offensive, minacciose e blasfeme nei confronti di un A.A., nonché lanciato all’indirizzo del medesimo una moneta che lo colpiva alla testa, 11 sputi e 2 bucce di mandarino che lo attingevano alla schiena ed infine rovesciato un bicchiere di birra sulla schiena
dell’Ufficiale di gara.