21 Ottobre 2022

Livorno-Grosseto, una sfida dal sapore storico: quanti precedenti in Serie B

Domenica torneranno ad affrontarsi due squadre che negli ultimi anni sono state protagoniste in Serie B e Serie C

Livorno

C’è aria di grande sfida, aria di “nostalgia”. Perché? Domenica pomeriggio alle 15 scenderanno in campo Livorno e Grosseto, due squadre che in passato hanno dato vita ad entusiasmanti sfide tra Serie B e Serie C con numerosi volti noti del calcio italiano.

I precedenti tra Livorno e Grosseto

I precedenti tra Livorno e Grosseto sono ben 12. Cinque vittorie per gli amaranto, solamente due per i Grifoni. Gli “X”, invece, ammontano a cinque.

Il primo incontro si disputò in Serie B nel settembre 2008 con il risultato di 0-0. A fine campionato, però, entrambe le squadre centrarono i playoff. Sempre in quella stagione, nel match di ritorno, ad avere la meglio fu il Livorno. A Grosseto, infatti, si registrò un pirotecnico 2-3 finale.

Nel giugno 2009, in occasione delle semifinali playoff di Serie B, la posta in palio andò ancora una volta a Livorno al termine di uno spumeggiante doppio confronto: all’andata vittoria del Grosseto per 2-0, al ritorno, quando tutto sembrava impossibile, il Livorno ebbe la capacità e la bravura di ribaltare l’incontro vincendo 4-1 e staccando il pass per la finale contro il Brescia che valse il ritorno in Serie A.

Il Livorno, retrocesso dopo un solo anno, ritornò in B. Doppio pareggio col Grosseto, 0-0 all’andata e 1-1 con i goal di Belingheri (L) e Sforzini su rigore al 90′.

Nel 2012 invece, sempre in Serie B, altro 1-1 a Grosseto firmato Caridi-Belingheri, e secco 2-0 con protagonista ancora una volta Belingheri e Marco Bernacci.

Negli ultimi due confronti nel campionato cadetto tra queste due squadre non c’è stata partita. Rotondo 4-0 del Livorno all’andata con i goal di Paulinho, Siligardi, Meola e il solito Belingheri, e 0-3 a Grosseto con tripletta di Paulinho. In quella stagione, il Livorno si classificò terzo e andò a giocarsi i playoff, mentre per il Grosseto arrivò l’incubo della retrocessione visto l’ultimo posto con 28 punti.

Dopo i numerosi duelli in Serie B, Livorno e Grosseto si sono date battaglia anche in Serie C nella stagione 2020-21. Vittoria dei Grifoni all’andata per 1-0 grazie al goal di Sicurella al 94′. Nel match di ritorno, invece, succede l’incredibile: il solito Sicurella sblocca l’incontro al 30′, poi nella ripresa Mazzarani fallisce dagli undici metri l’opportunità di pareggiare, un pareggio che arriverà al 66′ con l’olandese Sven Braken. Al 75′ il goal del definitivo sorpasso è firmato da Edgaras Dubickas, ma durante l’assedio finale il Grosseto agguanta il 2-2 al 92′ con Scaffidi.

Sarà una stagione amara quella per il Livorno vista l’ultimo posto e la conseguente retrocessione. Per il Grosseto, invece, obiettivo playoff centrato anche grazie agli 11 goal di Elia Galligani.

Come arriva il Livorno

Il Livorno arriva dalla sconfitta esterna per 2-1 sul campo del Città di Castello, un risultato che non si registrava dallo 0-2 del Picchi nel match contro la Sangiovannese valevole per la seconda giornata. La squadra gode di buona classifica visto il quarto posto solitario con 13 punti. Tuttavia, però, la classifica è molto corta sia nei piani alti che nelle zone rosse più delicate.

La squadra di Lorenzo Collacchioni segna poco ed incassa poco. In queste prime sette giornate, infatti, il Livorno ha realizzato 7 reti e ne ha incassate solamente 4, due dei quali proprio nell’ultimo KO esterno.

Come arriva il Grosseto

Discorso opposto, invece, per il Grosseto. Non è stato l’inizio che ci si aspettava, e a testimoniarlo sono i risultati ottenuti finora. Solo 8 punti in classifica, con un 13esimo posto che attualmente vorrebbe significare playout. Due vittorie, due pareggi e tre sconfitte per gli uomini di Andrea Liguori.

Trend positivo che dura da quattro giornate, ma l’aspetto che spicca subito all’occhio è la ritrovata solidità difensiva. Nelle ultime quattro gare, infatti, il Grosseto non ha subito neanche un goal.

I goal (4) di Niccolò Rotondo fanno e saranno sicuramente comodi per Liguori, ma come sottolineato più volte dall’allenatore dei toscani, è la profondità della rosa che deve essere l’arma in più per il Grosseto.

Grosseto successo