22 Ottobre 2022

Paolucci segna il primo gol in Prima Categoria: le parole dell’ex Juve | VIDEO

Michele Paolucci, bomber ex Juve, si è tolto anche la prima soddisfazione del gol dall'avvio della sua nuova avventura con la Civitanovese

Nella sua fitta carriera, l’attaccante Michele Paolucci ha giocato alla Juve, al Siena, all’Udinese, all’Atalanta, al Catania e non solo. Tanti i gol segnati in grandi piazze di Serie A e Serie B, per poi tentare le esperienze all’estero, in Romania, a Malta e in Canada. Da un mesto a questa parte, però, è tornato a casa, nelle sue Marche: ha firmato per la Civitanovese, club di Prima Categoria.

Paolucci Juve Civitanovese

C’era tantissima attesa per il primo gol del bomber, che ha segnato ovunque, in ogni categoria. Adesso il gol è arrivato. L’emozione, riversata anche nelle lacrime della sua primissima conferenza stampa, adesso si ripresenta anche in gara e post-gara, dopo il match vinto 2-1 in casa contro la Cluentina.

La prima rete di Paolucci con la Civitanovese. VIDEO

Di seguito il servizio di IGsport47, che ha riportato anche in video il primo gol segnato da Paolucci, bomber anche ex Juve: controllo e tiro di sinistro al limite dell’area, dritto sotto la traversa.

Le immagini della prima rete in rossoblù precedono le parole post-partita di Michele Paolucci: “Fa sempre piacere segnare, non è una questione di categoria. Per chi fa l’attaccante, la cosa più importante è fare gol. Sono contento di aver segnato stavolta, settimana scorsa il portiere del Grottammare (in un’occasione simile) me l’ha deviata e la palla non è entrare. Uno cerca sempre il pelo nell’uovo. Sono contento sia per me stesso, che per la squadra, che credo abbia ancora bisogno di compattarsi con l’ambiente. Penso dobbiamo fare dei passi avanti da questo punto di vista“.

Paolucci Juve Civitanovese

La squadra deve vincere il campionato, è chiaro. Poi l’importante non è che io faccia più o meno gol, voglio pensare solo a cosa serve per arrivare all’obiettivo. L’ambiente sarà fondamentale. Ripeto: c’è qualcosa che mi convince ancora poco. Noi ci facciamo il sangue amaro per questa piazza, io come gli altri. Le critiche andranno bene sono se non saranno distruttive: se una persona viene a vedere due minuti di partita e dice comunque qualcosa di negativo, magari può far del male a un ragazzino“. Serve maggiore compattezza, queste le parole chiave di Paolucci che, anche dopo il primo gol, pensa comunque solo all’obiettivo di squadra.