29 Marzo 2024

Gara interrotta per uno schiaffo all’arbitro: il match riprenderà con un rigore al 95′

Caso anomalo in Seconda Categoria piemontese: gara interrotta all'ultimo minuto per uno schiaffo all'arbitro, si riprenderà dal rigore al 95'

serie d risultati

Surreale quanto accaduto in Piemonte tra Sisport e Villar Perosa nell’ultimo weekend in Seconda Categoria: gara interrotta sul 95′ con un rigore a favore degli ospiti sotto nel punteggio per 2-1… a causa di uno schiaffo. Un altro gesto ignobile, sui campi di provincia, e che vede nuovamente vittima l’arbitro designato in gara.

Squadra ritirata squalifica capitano

Riccardo De Michele, giocatore del Sisport, squalificato per otto giornate perché “espulso per somma di ammonizioni e, alla notifica del provvedimento, reagiva colpendo l’arbitro con uno schiaffo alla nuca non appena questi si girava, gesto che ha comportato la definitiva sospensione della partita”. L’arbitro, seppur perfettamente in grado di concludere la gara stando a quanto riportato anche dal comunicato n. 71 del Comitato Regionale della LND Piemonte-Val D’Aosta, ha deciso infatti la sospensione della partita. Ciò ha comportato una decisione singolare da parte del Giudice Sportivo.

Gara interrotta al 95′: si ripartirà dal rigore per giocare l’ultimo minuto

In seguito a tutti i dati raccolti nel referto dell’arbitro di Sisport-Villar Perosa, il Giudice Sportivo di competenza ha deciso per: la ripetizione della gara in oggetto, che dovrà essere giocata per il minuto finale di recupero già decretato, e che riprenderà con la battuta del calcio di rigore in favore del Villar Perosa, già concesso dall’arbitro. A tal fine, dà mandato al Comitato Regionale affinché disponga una nuova data affinché la partita venga ripresa e portata a regolare compimento”.

Squalifica capitano squadra rititrata

Anomalo il caso, siccome l’arbitro ha decretato la sospensione del match nonostante mancasse solo un minuto al termine della gara e nonostante “il colpo ricevuto dal Sig. Di Michele non gli causava dolore né comportava la necessità di ricorrere a cure mediche”.

Considerata eccessiva la decisione di una sconfitta a tavolino ritenuto che, sempre secondo il Giudice Sportivo, “il gesto del giocatore della Sisport sia certamente da biasimare e da sanzionare, ma non di gravità tale da comportare per tutta la squadra la sanzione della sconfitta a tavolino, tenuto anche conto del fatto che lo stesso direttore di gara ha riferito di non aver subito conseguenza alcuna da tale gesto, ad esclusione del timore immediato di altri incidenti”. È grazie a tutti questi elementi che, tra Sisport e Villar Perosa, seppur a causa di un atto violento, si è arrivati a una curiosa conclusione del match. Da decretare la data “dell’ultimo minuto di recupero”.