9 Novembre 2021

Ravenna-Prato è Dossena contro Amelia: c’è molta Serie A nell’ultimo turno del girone D

I due allenatori protagonisti in una sfida dal sapore di massima serie: nel match del "Benelli", il Ravenna di Dossena si impone per quattro a uno sul Prato di Amelia

Il campionato degli italiani abbraccia, tra le varie realtà che la compongono, storie speciali e racconti che meritano riflessioni approfondite. Giovani promesse prestate da club blasonati, atleti che imboccano il viale del tramonto, allenatori emergenti che puntano a crescere nel segno della “gavetta”. E poi, ci sono loro. Quei personaggi che si conoscono per forza. Perché magari hanno nella loro bacheca personale la vittoria di un Mondiale. Oppure calciatori che hanno bazzicato su campi prestigiosi come l’Anfield Road e che provano a costruire il proprio futuro partendo dal basso. E se due personaggi del genere si ritrovano nell’ultimo weekend di Serie D, il risultato non può che essere esplosivo in termini di visibilità e contenuti tecnici.

Fonte: Profilo Facebook Ravenna Football Club

Il trionfo del Ravenna

È stata, senza dubbio, il match clou della decima giornata del girone D. Ravenna contro Prato: una sfida tra il campanilismo romagnolo e l’egemonia toscana. Ma è stata, soprattutto, la sfida di due tecnici dal nobile passato calcistico: Andrea Dossena dalla parte ravennate e Marco Amelia per la compagine pratese. Due celebrità di assoluto prestigio, che hanno rimpinguato – con carisma e esperienza – uno dei tornei più difficili e competitivi tra i vari gironi della massima competizione nazionale tra i dilettanti. La prima domenica di novembre regala sorrisi al Ravenna: i giallorossi, infatti, si sono imposti tra le mura amiche del “Benelli” per quattro a uno sugli antagonisti biancazzurri. Le doppiette di Cali e Saporetti rendono inutile il momentaneo pareggio toscano firmato da Maione.

Dossena da playoff

La quarta vittoria consecutiva rilancia ambizioni d’alta quota per il rinnovato Ravenna di Andrea Dossena. La squadra romagnola, complice il primo passo falso della capolista Rimini in quel di Mezzolara, è a sei lunghezze dal primo posto. Un nuovo ciclo, quello intrapreso dalla società del Presidente Pezzi, che ha deciso di voltare pagina dopo la malinconica annata 2020/21, culminata con la retrocessione in serie D dopo la sconfitta ai playout con il Legnago. E per puntare al pronto ritorno tra i professionisti, la dirigenza ha puntato forte sull’ex difensore di Liverpool, Napoli e Nazionale. Reduce dal biennio sullo scranno del Crema, Dossena ha riportato entusiasmo in un ambiente ancora scottato dalla scorsa stagione. Ha messo da parte gli schemi con la difesa a tre, che meglio hanno evidenziato le sue doti di incursore sull’out mancino prima nell’Udinese di Pasquale Marino e, in seguito, nel Napoli di Walter Mazzarri. Il credo tattico è il quattro-tre-tre, più vicino al Benitez di Liverpool. Così, il Ravenna ha spiccato il volo.

Fonte: Profilo Facebook AC Prato

Amelia: “Una sconfitta che ci farà crescere”

Di contro, giornata amara per Marco Amelia e il suo Prato. La partita di domenica ha evidenziato quelle lacune che l’allenatore ha prontamente sottolineato a fine gara: «Il Ravenna rappresentava un test difficile – ha affermato il tecnico della squadra toscana ai canali ufficiali del club –. Abbiamo provato a giocarcela, commettendo però degli errori. Siamo una squadra molto giovane ed in crescita, che ha fatto ottime cose nelle partite passate. Continueremo nel segno del positivo percorso intrapreso». Il terzo portiere dell’Italia Campione del Mondo del 2006, dopo le esperienze in panchina con Lupa Roma, Vastese e Livorno, vuole ripercorrere in terra toscana le epiche gesta che hanno contraddistinto la sua carriera da calciatore. Il girone D avrà ancora tanti titoli da regalare.

A cura di Giuseppe Vitolo