5 Febbraio 2023

Dal Loreto al record condiviso con Messi e Neymar: è esploso Walid Cheddira

Il gol e l'assist di ieri contro la Spal sono valsi un altro record stabilito da due icone del calcio mondiale

Una favola che merita di essere raccontata. Quella di cui parliamo oggi vede protagonista il classe ‘98 Walid Cheddira, attaccante italo-marocchino nato a Loreto che oggi milita tra le fila del Bari. Nelle ultime ore il suo nome è nuovamente più volte risuonato sui maggiori quotidiani nazionali: il motivo? L’esordio ai Mondiali in Qatar con il Marocco contro la Spagna.

Cheddira

Walid Cheddira: dalla Sangiustese in Serie D fino ai prestiti in C

Prima di sbarcare allo ‘Stadio Bentegodi’, facciamo un passo indietro. Torniamo a quando l’appena ventenne Walid Cheddira milita in Promozione (prima) e Eccellenza (poi) con il Loreto. Le ottime prestazioni fornite in quelle stagioni, portano il classe ‘98 ad avere i primi fari puntati addosso. La prima squadra a rendersi conto delle sue ottime potenzialità è la Sangiustese in Serie D che difatti, nella stagione 17/18, lo mette sotto contratto. Con i colori rossoblù addosso, in due anni Cheddira fa registrare oltre 60 presenze e quasi 20 gol. Numeri da capogiro. Gli addetti ai lavori si rendono subito conto che la Serie D non può essere di sua competenza. Cheddira merita palcoscenici ancor più importanti. Nel 2019 arriva quindi la prima chiamata importante nel mondo dei Professionisti: il Parma. Nonostante le ottime prestazioni fornite nelle recenti annate, i crociati preferiscono girarlo più volte in prestito: Arezzo, Lecco e Mantova. Sono loro le squadre che, dal 2019 al 2020, accolgono Cheddira nel proprio spogliatoio.

L’inizio del sogno: la chiamata del Bari

L’estate scorsa (2021) arriva il quarto prestito per lui. A chiamarlo è il Bari di Luigi De Laurentis. Cheddira accetta subito la proposta e quella che vive, è forse una delle sue migliori stagioni a livello personale e non. Giunti a maggio del 2022 infatti, Cheddira e compagni possono festeggiare la tanto desiderata promozione in Serie B. Dopo aver dominato per tutta la stagione il Girone C di Serie C, Mignani e i suoi ragazzi riescono a raggiungere un traguardo davvero molto importante. Con i pugliesi Cheddira fa registrare 39 presenze, 7 gol, 3 assist e 2 rigori procurati. Numeri impressionanti. 

A fine anno, quando termina il prestito, Walid non torna a Parma. Il club di Luigi De Laurentis infatti, decide di acquistare l’attaccante classe ‘98 a titolo definitivo, sottoscrivendogli un contratto fino a giugno 2025. 

Bari è la sua piazza. Bari è la realtà che lo ha reso e lo rende grande. Come riportato anche dai canali social del club, a Cheddira è stato attribuito il soprannome di ‘Walino’ che, proprio a Bari, rappresenta il diminutivo del nome Pasquale. 

Tornando alla super prestazione di agosto contro il Verona in Coppa Italia, dopo l’iniziale vantaggio degli scaligeri firmato Lasagna, i pugliesi la ribaltano. Il pareggio lo firma Folorunsho, poi pero è Cheddira – show: il ragazzo di Loreto, che per anni lotta con l’obiettivo di raggiungere traguardi importanti, firma la tanto acclamata tripletta: in gol ai minuti 44’, 53’ e 78’. Un astro nascente. Il Bari adesso può sognare davvero in grande con Cheddira lì davanti.

Cheddira

La Serie B e l’esordio al Mondiale

La Serie B 22/23 ha oramai tagliato i nastri di partenza da diverse settimane. Dopo undici giornate la classifica vede in testa il Frosinone a 24 punti. In quarta posizione però, a cinque lunghezze di distanza, resta vigile il Bari guidato da uno strepitoso Cheddira. Inizio di stagione da ‘top’ per l’italo-marocchino che nel giro di queste poche giornate, ha già messo a segno ben otto reti, conquistando quindi il primato nella classifica marcatori.

La tripletta in Coppa Italia, l’imbattibilità con il suo Bari e la testa della classifica marcatori. Un inizio di stagione da ricordare per il classe ’98 che ha potuto anche festeggiare la prima presenza con il Marocco. In data 12 settembre infatti, l’account social dell’Equipe du Maroc ha diramato i suoi convocati e, accanto ai nomi di Ziyech, Mazraoui, Sabiri e Boufal, figurava anche il nome di Walid Cheddira, che il 23 settembre ha esordito contro il Cile in amichevole. 23 minuti totali per lui contro gente del calibro di Vidal, Sanchez e Medel.

Le grandi prestazioni di Cheddira incuriosiscono la Nazionale che alla fine ha deciso di convocarlo per il Mondiale. 0 minuti nella fase a gironi, ma la possibilità di esordire contro la Spagna agli ottavi di finale, con la partita in bilico. Un sogno di un giocatore che fino a qualche mese fa giocava in C e adesso ha avuto la possibilità di confrontarsi con i migliori al mondo.

Dopo il Mondiale in Qatar, Cheddira continua a stupire con la maglia del Bari. Infatti, al termine del primo tempo della 20^ giornata di Serie B tra Bari e Parma, il marocchino ha siglato una tripletta. Le reti sono state messe a segno a un certo Gianluigi Buffon.

Un record condiviso con Messi e Neymar

In occasione dell’ultima e pirotecnica sfide del Bari vinta 4-3 contro la Spal, Cheddira è salita ancora in cattedra mettendo in mostra tutte le sue qualità. Assist a Folorunsho per il vantaggio iniziale e gol del momentaneo 3-0 che ha poi dato il via alla reazione della squadra di Daniele De Rossi.

Grazie a questi numeri non solo ha consolidato il primato nella classifica cannonieri di Serie B con 13 gol, ma ha anche eguagliato un nuovo record insieme a due mostri sacri del calibro di Messi e Neymar. Quattro partite con almeno un gol e assist per Cheddira. Nessuno meglio di loro tre nelle prime due divisioni dei TOP 5 campionati europei.

A cura di Davide Balestra

Photo Credit: Tess Lapedota