19 Aprile 2022

Eccellenza Campania, Angri e San Marzano: lotta per la Serie D

Nel girone C di Eccellenza Campania la lotta per la promozione in Serie D è divisa tra due squadre: l'Angri e il San Marzano

Manca una giornata al termine del campionato. Ancora nulla è scritto nel girone C di Eccellenza Campania: la lotta promozione è limitata a due contendenti, ma il distacco tra prima e seconda è risicato. Sono solo due le lunghezze che separano Angri (63) e San Marzano (61) e tutto si deciderà in questo fine settimana.

Una lotta per la Serie D affascinante quella tra le due società campane. I due percorsi si equivalgono, o quasi, se non fosse per i due punti di differenza. Esse rappresentano da un lato la miglior difesa, dall’altro il miglior attacco del torneo. Infatti, entrambe contano 73 gol siglati e solo 15, invece, sono quelli subiti. È questa la dimostrazione che le due squadre sono le favorite indiscusse per la vittoria finale del campionato.

E se la lotta per il primato della classifica è ancora tutta da definire, i posti per i play-off sono già delineati. Agropoli e Scafatese, rispettivamente terza e quarta della classe, hanno staccato matematicamente il pass per gli spareggi. La stagione di queste quattro squadre si intreccerà, tuttavia, all’ultima giornata di campionato. Infatti, per l’ultimo turno il calendario propone: Angri-Scafatese e Agropoli-San Marzano, in un finale entusiasmante, avvincente e tutto da vivere.

L’Angri e la voglia di promozione

Una stagione incredibile. L’Angri ha costruito le sue fortune sulla continuità e sul reparto difensivo e offensivo. I grigiorossi hanno innalzato un vero e proprio muro, subendo 15 gol in 25 gare fin qui disputate. Tuttavia, la fase offensiva non ha certo sfigurato: i gol segnati sono 73, dato che consegna le chiavi del miglior attacco insieme al San Marzano.

Angri

La squadra allenata da Carmine Turco è reduce dalla vittoria fuori casa contro il Costa D’Amalfi con il risultato di 3-1 e non conosce sconfitta dallo scorso 24 ottobre, quando l’Agropoli si impose al “Pasquale Novi”. Da quel momento in avanti arriveranno 16 vittorie e solo 3 pareggi, con San Marzano, sia andata sia ritorno, e con la Scafatese.

Un dato importante per l’Angri è il fattore trasferta. Lontana dal “Novi” gli uomini di Turco hanno ottenuto il maggior numero di vittorie (11), pareggiando solo 2 partite. Le uniche due sconfitte, infatti, sono giunte proprio nelle gare disputate tra le mura amiche.

Una D che manca da troppo tempo

L’Angri insegue il sogno Serie D. Il massimo campionato dilettantistico manca ai grigiorossi dalla lontana stagione 2010/2011, anno del fallimento. Da quel momento è ripartita dalla Terza Categoria per cercare di ritornare nel più breve tempo possibile nei palcoscenici che questa piazza ha assaporato nel corso degli anni. Ottiene la promozione in Eccellenza nel 2019, dopo aver vinto il girone D di Promozione.

La società presieduta da Armando Lanzione è vicina a coronare il primo step della propria programmazione, che non inizia di certo oggi. Infatti, nella scorsa stagione l’Angri si classificò seconda in campionato e venne eliminata al primo turno dei play-off.

Il San Marzano e bomber Meloni

Viaggia spedito anche il San Marzano, che non ha mai mollato il ritmo dei grigiorossi. L’obiettivo resta ancora la promozione diretta, nonostante il piccolo svantaggio sugli avversari. Stesso attacco e stessa difesa dell’Angri, che con questi numeri, 73 gol fatti e 15 subiti, non si sono risparmiate. La squadra allenata da Egidio Pirozzi è reduce dalla vittoria in casa contro il Salernum Baronissi con il risultato di 5-0.

La maggior parte dei gol passa dall’attaccante Giuseppe Meloni, classe 1985, che ha siglato la bellezza di 30 gol in campionato. L’ex SPAL e Torres è al comando della classifica marcatori del girone C di Eccellenza, si è trascinato la squadra sulle spalle e ha intenzione di portarla verso grandi traguardi.

Angri

Al contrario dell’Angri, il dato importante per il San Marzano è il fattore casa. Gli uomini di Pirozzi non hanno mai perso al “Gramsci”: 12 vittorie e un solo pareggio. Un fattore che non potrà più sfruttare visto che l’ultima partita di campionato si disputerà in casa dell’Agropoli.